“La scuola persegue le finalità che le sono assegnate nella misura in cui si costituisce come contesto idoneo a promuovere apprendimenti significativi e a garantire il successo formativo per tutti gli alunni. A tal fine è possibile individuare, nel rispetto della libertà di insegnamento, alcune impostazioni metodologiche di fondo"

Valorizzare l’esperienza e le conoscenze degli alunni

Esperienze, conoscenze, aspettative, emozioni, informazioni, abilità e modalità di apprendere che sono parte del bagaglio di ogni alunno, saranno richiamate opportunamente dall’azione didattica per far sì che ogni allievo riesca a dare senso e significato a ciò che va imparando.

Attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità

Le classi scolastiche sono dotate di molteplici diversità (differenze nei modi di apprendere, livelli di apprendimento raggiunti, specifiche inclinazioni e interessi, particolari stati emotivi e affettivi) che possono essere causa di difficoltà nell’apprendimento. La scuola quindi progetta e realizza percorsi didattici specifici per rispondere ai bisogni educativi degli alunni. Particolare attenzione è rivolta agli alunni con cittadinanza non italiana (integrazione, padronanza della lingua per comunicare, competenze ad un livello più avanzato) e all’integrazione degli alunni con disabilità.

Favorire l’esplorazione e la scoperta

Al fine di promuovere la passione per la ricerca di nuove conoscenze.

Incoraggiare l’apprendimento collaborativo

Introduzione di forme di interazione e collaborazione (aiuto reciproco, apprendimento nel gruppo cooperativo, apprendimento tra pari).

Promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere

Al fine di imparare ad apprendere, riconoscere le difficoltà incontrate, prendere atto degli errori commessi, comprendere le ragioni di un insuccesso, conoscere i propri punti di forza, stimare le proprie abilità, valutare gli esiti delle proprie azioni sono competenze necessarie a rendere l’alunno consapevole del proprio stile di apprendimento e capace di sviluppare autonomia nello studio.

Realizzare percorsi in forma di laboratorio

Quale modalità di lavoro che favorisce l’operatività, il dialogo e la riflessione su quello che si fa; incoraggia la sperimentazione e la progettualità. L’acquisizione dei saperi richiede un uso flessibile degli spazi usuali della scuola, ma anche la disponibilità di luoghi attrezzati (aule di scienze, informatica, musica, teatro, arte e motricità).

Particolare importanza assume la biblioteca scolastica come luogo deputato alla lettura, ma anche all’ascolto e alla scoperta di libri che sostiene l’apprendimento autonomo e continuo e la biblioteca pubblica come luogo di incontro tra scuola e territorio.



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.